fbpx

L’ALLEGRIA IN CUCINA

//L’ALLEGRIA IN CUCINA

L’ALLEGRIA IN CUCINA

Mentre il Carnevale colora le strade delle nostre città non possiamo dimenticare che in Sicilia questa festa passa anche dalla cucina!

Come sappiamo il Carnevale è una festa di origini molto antiche, diffusa in Sicilia da tradizioni che ancora oggi sono vive e molto partecipate. Celebre infatti è il Carnevale di Acireale, una festa nata alla fine del ‘500, ma anche quelli di Sciacca e Termini Imerese.

Ma certamente ancora più famosi sono i dolci del Carnevale, che in Sicilia vantano una bontà senza uguali!

 

 CHIACCHIERE

Dolce diffuso in tutta Italia, è facilissimo da preparare ed è composto da ingredienti molto semplici: farina, zucchero e uova. Arrivano direttamente dall’antica Roma, tempo in cui si usava prepararle e distribuirle alla popolazione in occasione delle feste Saturnali (l’antico Carnevale appunto!). In Sicilia si usa friggerle nello strutto oppure olio di arachidi e una volta raffreddate si cospargono di zucchero a velo e sono pronte per essere gustate!

PIGNOLATA

Un altro dolce fritto di origini antiche e semplici è la Pignolata. È diffusa soprattutto nelle province di Messina e Ragusa in due varianti: quella al miele e quella ricoperta di glassa al cioccolato o zucchero. La pignolata, che si chiama così per la forma che ricorda una pigna, è composta da piccole palline di pasta fritte e ricoperte di delizioso miele e zuccherini colorati o appunto di glassa. La bontà di questo dolce è tale da non essere più preparato solo durante il periodo di Carnevale ma durante tutto l’anno!

 

SFINGI

No, non sono le statue egizie, ma uno dei dolci più conosciuti della Sicilia! Come tutti i dolci di origine contadina, le sfingi sono preparate con pochi ingredienti, che danno vita a morbide frittelle spugnose (è proprio dalla parola araba “spugna” che deriva il nome di questo dolce). A seconda della città le sfingi possono essere ripiene di ricotta, condite con miele o zucchero, possono essere di pane o di uova avendo due differenti impasti. Come altri dolci anche le sfingi sono prodotte in altri periodi dell’anno, anche in versione salata, per esempio durante la festa dedicata a San Giuseppe.

 

TESTE DI TURCO

Sempre dal periodo arabo ha origine un dolce diffuso soprattutto a Castelbuono, Palermo ma anche Sicli, sebbene con ricette differenti da zona a zona. Si tratta di un dolce che celebra la vittoria dei Normanni sugli Arabi, festeggiata con l’invenzione di questo dolce semplice e molto goloso. A seconda delle zone si tratta di un dolce composto da sfoglia fritta e crema di latte, oppure da un grande bignè fritto farcito di crema o ricotta. Le teste di Turco si trovano ancora oggi in tantissime pasticcerie, e non solo nel periodo di Carnevale!

 

La Sicilia si sa, custodisce in ogni suo piatto tradizioni millenarie, che raccontano storie di conquiste, regni, luoghi e prodotti della terra. Per tenere ancora viva questa grande tradizione culinaria basta sperimentare un po’, provando a realizzare vecchie ricette che colorano ancora i giorni di festa. E per sperimentare insieme senza pesare sul portafoglio noi del Centesimo abbiamo pensato ad una promozione speciale proprio dedicata al Carnevale! Nel volantino che puoi sfogliare qui trovi tutto ciò che ti serve per preparare i dolci tipici del carnevale siciliano e goderti gusto e allegria.

L’importante è condividere questa bontà con chi ci sta più a cuore…fai assaggiare qualcosa anche a noi?!

2020-02-05T13:13:38+00:00
WhatsAppa il volantino
x